COMPUTING > Private Cloud > 4 - Servizio aggiuntivo DRaaS > Zerto Cloud DRaaS > Servizio DRaaS (Disaster Recovery as a Service)

4.1 Servizio DRaaS (Disaster Recovery as a Service)

 Per maggiori informazioni tecniche e commerciali contatta il nostro team di esperti.
Il servizio di Disaster Recovery as a Service (DRaaS) permette di proteggere la propria infrastruttura Private Cloud Aruba con un servizio di Disaster Recovery professionale, semplice e sicuro.
Attraverso un Pannello Web self-service, su connessione sicura, il cliente può autonomamente creare direttive e politiche di Disaster Recovery, selezionando sorgente (Sito primario) e destinazione (Sito secondario) a scelta tra proprie infrastrutture virtuale VMware on-premise e/o data center Aruba abilitati al servizio Private Cloud. In pochi minuti si può creare repliche autoconsistenti tra siti remoti ed essere in grado di attivare una procedura di DR perfettamente funzionante.

Durante la definizione di una soluzione di Disaster Recovery, fondamentale importanza rivestono due parametri di misurazione: RPO e RTO.
  • RPO (Recovery Point Objective) rappresenta il disallineamento massimo che si è disposti a tollerare tra ambiente di produzione (Sito primario) e ambiente replicato (Sito secondario). Descrive quindi a tutti gli effetti la quantità di dati rimasti non sincronizzati in caso di disastro.
  • RTO (Recovery Time Objective) rappresenta il tempo necessario al ripristino operativo dei servizi sul Sito secondario, a seguito di disastro. Descrive quindi il tempo necessario per completare operativamente la procedura di disaster recovery necessaria a rendere i propri servizi nuovamente attivi.
Il meccanismo di replica adottato dal servizio è basato sulla tecnologia Zerto (stato dell'arte nelle soluzioni Disaster Recovery virtualizzate VMware) che ottimizza, deduplica e comprime i dati da salvaguardare garantendo il minimo impatto sulla banda necessaria, minimizzando di conseguenza l'RPO conseguibile. In particolare il sistema riduce l'RTO a valori che mediamente possono variare da pochi secondi a pochi minuti anche su distanze internazionali.

Il basso RTO viene invece garantito da una estrema semplicità di utilizzo, garantita da un semplice Pannello Web self-service sicuro che, con un solo tasto, permette di dare inizio alla procedura, completamente automatizzata, di ripristino (Failover). In pochi secondi il sistema è in grado di effettuare il passaggio dei workload di produzione nel sito di Disaster Recovery.

Per garantire la bontà della soluzione e costantemente verificare il funzionamento della propria procedura di Disaster Recovery il cliente ha la possibilità, in qualsiasi momento ed in autonomia, di lanciare test di DR. Il test effettua a tutti gli effetti un tentativo di recupero da disastro, attivando le macchine nel Sito secondario, senza andare in alcun modo ad interferire con le macchine di produzione (Sito primario), operazione che permette di verificare che le repliche e le procedure di Disaster Recovery funzionino correttamente.

Come per tutti i servizi Aruba è disponibile l'opzione "Managed" che permette di dare in gestione a personale tecnico qualificato Aruba l'intero ciclo di vita della propria soluzione di Disaster Recovery.