Informazioni commerciali +39 0575 05077
  Assistenza telefonica +39 0575 0508
 
Computing > 3 - Creare e Configurare un Cloud Server > Come ri-partizionare e formattare un disco fisso a cui è stato aggiunto dello spazio (Linux)

3.09.2 Come ri-partizionare e formattare un disco fisso a cui è stato aggiunto dello spazio (Linux) Guida valida per il servizio Cloud Server Pro

Ad esclusione del primo disco fisso (HD) presente nel Cloud Server, quelli aggiuntivi (HD1, HD2, HD3) sono forniti RAW: è necessario partizionare e formattare lo spazio RAW per poterlo utilizzare nel Sistema Operativo.

(parted) print
Model: VMware Virtual disk (scsi)
Disk /dev/sdb: 21.5GB
Sector size (logical/physical): 512B/512B
Partition Table: msdos

Number  Start   End     Size    Type     File system  Flags
 1      1049kB  525MB   524MB   primary  ext4         boot
 2      525MB   8590MB  8065MB  primary               lvm

(parted) mkpart
Partition type?  primary/extended? primary
File system type?  [ext2]? ext3
Start? 8590MB
End? 21.5GB

(parted) print
Model: VMware Virtual disk (scsi)
Disk /dev/sda: 21.5GB
Sector size (logical/physical): 512B/512B
Partition Table: msdos

Number  Start   End     Size    Type     File system  Flags
 1      1049kB  525MB   524MB   primary  ext4         boot
 2      525MB   8590MB  8065MB  primary               lvm
 3      8590MB  21.5GB  12.9GB  primary

# mke2fs /dev/sda3
mke2fs 1.41.12 (17-May-2010)
Filesystem label=
OS type: Linux
Block size=4096 (log=2)
Fragment size=4096 (log=2)
Stride=0 blocks, Stripe width=0 blocks
786432 inodes, 3145728 blocks
157286 blocks (5.00%) reserved for the super user
First data block=0
Maximum filesystem blocks=3221225472
96 block groups
32768 blocks per group, 32768 fragments per group
8192 inodes per group
Superblock backups stored on blocks:
        32768, 98304, 163840, 229376, 294912, 819200, 884736, 1605632, 2654208

Writing inode tables: done
Writing superblocks and filesystem accounting information: done

  1. Accedere al Cloud Server tramite SSH.
  2. Una volta fatto l'accesso digitare fdisk -l da riga di comando e battere invio.
  3. Verranno visualizzate così le informazioni relativamente ai dischi fissi installati e le relative partizioni.
  4. Identificare il disco fisso a cui è stato aggiunto lo spazio e verificare il numero di partizioni già presenti.
  5. Lanciare da riga di comando l'utility Parted per il disco sul quale è stato aggiunto lo spazio, digitando parted /dev/sda/  (nell'esempio l'unità da configurare è la /dev/sda) e battendo invio.
  6. Se il disco sul quale si è aggiunto lo spazio non è mai stato formattato in precedenza, è necessario prima creare la tabella delle partizioni con il comando mktable scegliendo la tipologia Msdos, altrimenti ignorare questo passaggio e proseguire con il passo successivo.
  7. Digitare print e battere invio per assicurarsi di tutte le partizioni già presenti nel disco fisso.
  8. Per creare una nuova partizione per lo spazio aggiunto, lanciare mkpart e rispondere alle varie richieste. Dapprima vi viene chiesto di scegliere il "type" fra" primary" ed "extended" (sceglieremo primary) successivamente viene chiesto il tipo di "File System" (ad esempio scegliamo "ext3" e confermiamo); successivamente viene richiesto l'inizio e la fine della partizione (nel nostro esempio se vogliamo creare una partizione che corrisponda con tutto lo spazio aggiunto, basta indicare come inizio il valore "end" della partizione con il numero più alto e con la dimensione massima per la fine).
  9. A questo punto rilanciando print possiamo verificare che è stata creata la nuova partizione 3.
  10. Ora non resta che creare il Filesystem nella partizione creata: dapprima uscire da "parted" digitando quit e quindi lanciare mke2fs per la partizione creata.
 Le operazioni descritte hanno esclusivamente carattere esemplificativo: l'uso improprio o non eseguito con la dovuta attenzione e competenza, può causare la perdita parziale e/o totale di dati e in alcuni casi può compromettere il corretto funzionamento della macchina virtuale. Si sconsiglia l'uso di tale guida se non in possesso di dovute competenze. Aruba S.p.A. non si assume le responsabilità di eventuali problemi o danni causati dall'uso di tali guide.



Bookmark and Share